FILONI DI MOSTO CON LIEVITO MADRE

filoni di mosto marchigiani con lievito madre



Era a riposo da parecchio in un barattolo in fondo al frigo, disidratato con tanta farina, quasi il doppio del suo peso, ora però il tempo del risveglio è arrivato e quale migliore periodo se non quello autunnale per tornare a impastare con il lievito madre ?
Poi c'è la vendemmia e allora ti arrivano tre litri di mosto crudo rosso e profumato così dopo averlo congelato in piccole bottiglie decidi che magari è ora di vedere se Penelope la centenaria di casa sia davvero pronta per il suo bel lavoro.

Un pane al mosto soffice e profumato, tra mosto e semi di anice come poteva non esserlo e non dimentichiamoci la presenza di olio di oliva extravergine, quello della nostra terra a completare il mix di ingredienti per me speciali.




Qui trovate la versione con lievito di birra altrettanto buona e perfetta per chi non ha il coraggio e il tempo di accudire il lievito madre e in particolare per chi ha poca pazienza.
Perfetto se abbinato a una deliziosa marmellata di fragole e fragoline di bosco come quella Rigoni di Asiago 





Ingredienti


  • 180g. di lievito madre rinfrescato 5 ore prima
  • 630 g. di farina O 11.5 g. di proteine
  • 300 ml di mosto crudo tiepido ( potete farlo in casa centrifugando della buona uva )
  • 140 g. di zucchero
  • 2 cucchiai di semi di anice
  • 95 g. di olio extravergine di oliva 



Sciogliere bene il lievito nel mosto, aggiungere lo zucchero e i semi di anice incorporare la farina gradatamente insieme all'olio.
Impastate fino a che non avrete un composto liscio e non appiccicoso, io ho fatto a mano.
Lasciate lievitare a temperatura ambiente e coperto da pellicola per almeno 7 ore poi mettete in frigo fino al giorno dopo.
La mattina successiva dividete in tre pezzi e date la forma di filone, adagiateli su una placca da forno e lasciateli lievitare ancora fino a che si saranno baciati, ci vorranno alcune ore perché il mosto rallenta sempre la lievitazione.
Cuocete in forno caldo a 190° fino a doratura.


Commenti

  1. ciao Sandra
    che te devo di'?
    una poesia questo pane ...ebbrava Penelope lei si che sa aspettare ^_^ nome appropriato ahahah
    bacio tesoro e buon w.e. ti abbraccio

    RispondiElimina
  2. uno dei miei dolci preferiti, forse qll che preferisco di più in assoluto!! con quel sapore e profumo inconfondibile! poi se è fatto in casa! meraviglioso Sandra!!!!!

    RispondiElimina
  3. Davvero una ricetta particolare per me, mi piacerebbe tantissimo provare ma non so dove prendere il mosto e non ho mai provato a fare il lievito madre!! Ti faccio però i miei complimenti, perchè il risultato è davvero molto molto bello, un filone invitante!!

    RispondiElimina
  4. che ricetta ! se avessi il mosto la farei subito , mi intriga tantissimo! ti devo fare i complimenti per le tue ricette profumate di tradizione, un abbraccio
    ciao Reby

    RispondiElimina
  5. con il mosto noi ci facciamo i sughi,dolce tipico che sembra un budino ma questo pane mi ha davvero rapito il cuore...
    terrò una piccola scorta di mosto e proverò a farlo quanto prima credo!

    RispondiElimina
  6. Il mosto è una chicca che si trova ormai sempre più raramente, se non nelle cucine più datate. Sicuramente da provarlo all'interno di un un pane lievitato!
    Ce ne ricorderemo!
    bacioni

    RispondiElimina
  7. buonissima idea mi piace davvero!!! complimenti

    RispondiElimina
  8. Delizia questo pane, l'ho sempre detto che sei una gran brava panificatrice!!!!

    RispondiElimina
  9. Che dire...meraviglioso!!!!..brava

    RispondiElimina

Posta un commento

Post più popolari