mercoledì 10 gennaio 2018

LA PIZZA RIPIENA DI VERDURE


ricetta pizza ripiena


Gennaio è il mese delle serie TV americane di quelle che non riesci a staccarti e quindi le guardi  mentre stiri, pulisci, smonti le decorazioni di Natale e soprattutto mentre impasti.
Sono una fissata lo so, ma di cinema e serie non posso proprio farne a meno, un po' come di Alberto Angela e come della pizza.
Un impasto morbido e semplicissimo che si può tranquillamente fare in giornata senza tanti sbattimenti e che volendo potete anche utilizzare come base per la pizza in teglia.
Avevo della verza che arricchita di prosciutto e formaggio è diventata un ripieno perfetto.
Gennaio è il mese di fotografie all'alba e al tramonto che non riesci quasi mai a tenerle solo per te.
Gennaio è il mese che sogni la neve e invece ci sono 15° e dalla finestra vedi il mare.




come fare la pizza ripiena

"e continui a dire al mondo 

che può starsene lontano 
che hai già tutto quel che serve 
e che hai sempre la tua mano 
e se ti succede ancora 
di guardare in faccia il mare 
giri in fretta gli occhi e il cuore 
che hai ben altro a cui pensare"



ricetta pizza ripiena


LA PIZZA RIPIENA DI VERDURE


Ingredienti e procedimento

per la pizza

  • 500 g di farina O
  • 285 g di acqua 
  • 8/10 g di lievito fresco
  • 2 cucchiaio di olio di oliva
  • 1 cucchiaino di sale


per il ripieno


  • Verza appena sbollentata e poi ripassata in padella con aglio, peperoncilo e olio
  • Cicoria dolce 



In planetaria versate la farina e il lievito sbriciolato, azionate a bassa velocità e inserite l'acqua, l'olio e il sale.
Dopo dieci minuti trasferite l'impasto sulla tavola e formate due porzioni una da circa 550 g e l'altra da circa 280, io ho fatto ad occhio.
Trasferitele in due ciotole e lasciate raddoppiare di volume in luogo caldo.
Oliate una teglia da 28x38 e stendete con le mani la pasta più grande poi ricoprite con la verdura ed eventualmente il formaggio e il prosciutto crudo come ho fatto io, ma è buonissima anche con sola verza o cicoria o anche cipolla stufata con brandy.
Coprite con la pasta rimasta e sigillate bene i bordi, pennellate con olio di oliva la superficie e lasciate lievitare un'ora nel forno spento.
Cuocete a 220° fino a che sarà ben dorata.