SPAGHETTI AL SUGO DI PANOCCHIE O CICALE DI MARE

SPAGHETTI AL SUGO DI PANOCCHIE O CICALE DI MARE



Noi le chiamiamo panocchie, io poi quando sento cicala di mare ho proprio un sussulto, penso a quelle scassone che in estate ci tengono tanto a far diventare le giornate afose ancora più insopportabili ..... cri cri cri !!!
Qualche giorno fa la suocera ( sante tutte quelle che hanno a che fare con il pesce :D ) mi ha deliziato di un bel po' di queste panocchie già sgusciate da crude e pronte per fare un sugo coi fiocchi bello piccantino per togliere quella nota troppo dolce che non amiamo molto.

E poi viva il mare d'inverno, è un incanto.

Nel tuo sorriso - Francesco Sàrcina



I sentimenti sono esposti come fragili corpi, 
Che si nutrono di piccoli sogni ed innocue ingenuità, 
E per questo io son qui. 
Con le mie mani, 
Sarò qui a darti forza e coraggio, 
Per ogni passo incerto e per ogni giorno 
Che il tuo sangue sarà il mio, 
E così per sempre tu. 
Torna il sorriso sul mio volto ad ogni tuo respiro 
Ed il mio cuore è quello di un guerriero 
Che difende il mondo, sì, il mondo intero 
E che sarà di certo il tuo, 
Nel tuo sorriso. 
Ma se mai dovesse venire meno la mia forza e presenza, 
Tu promettimi di lasciare un posto, 
Un posto nel tuo cuore dove possa stare ancora io. 
Torna il sorriso sul mio volto ad ogni tuo respiro 
Ed il mio cuore è quello di un guerriero 
Che difende il mondo, sì, il mondo intero 
E che sarà di certo il tuo, 
Nel tuo sorriso.






Ingredienti per 4 persone

  • 350 g. di spaghettini
  • 250 g. di polpa di panocchie *
  • 1/2 cipolla tritata
  • maggiorana
  • 1/2 bicchiere di vino bianco
  • sale
  • peperoncino
  • 350 g. di polpa di pomodoro ( io home made )
  • olio extravergine di oliva 4-5 cucchiai

* pulite le panocchie o cicale di mare da crude togliendo tutto il guscio, le mie erano belle e pronte visto che la suocera ha fatto il lavoro per me :D 





In una padella scaldate l'olio e fate ammorbidire per qualche minuto la cipolla tritata, aggiungete la maggiorana tritata finemente e la polpa di panocchie, fate rosolare per cinque minuti e sfumate con il vino poi aggiungete la polpa di pomodoro, aggiustate di sale e peperoncino e lasciate cuocere per 10-15 minuti fino a che il sugo non sarà un po' ristretto.

Cuocete gli spaghetti in abbondante acqua salata e condite con il sugo di panocchie.






Commenti

  1. che fortuna (volevo usare un'altra parola ma mi son mantenuta) ad avere la suocera che ti fornisce cicale già sgusciate!!
    ottimo piatto cara ...io le adoro anche non sgusciate :P
    baciotto

    RispondiElimina
  2. che profumino, si sente da qui... ottimo e invitante... deve essere proprio saporito!!

    RispondiElimina
  3. ciao cara
    mamma mia da quanto tempo non mangio le panocchie... che voglia!!!

    RispondiElimina
  4. ohhh non vale, le panocchie già pulite le voglio anch'io!! le ho mangiate grigliate ma mai in un sugo, dev'essere delizioso!

    RispondiElimina
  5. Santa subito tua suocera! La mia invece non cucina proprio!
    Comunque... Lo sai che qui a Milano le chiamano le cannocchie

    RispondiElimina
  6. Un piatto molto appetitoso! Ho letto la canzone di Sarcina, che fai continui Sanremo pure qua? ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. continuero' fino a che non la imparate a memoria ahahhaha

      Elimina

Posta un commento

Post più popolari