SURICITTI MARGHIGIANI - La cucina povera e i suoi gnocchetti di polenta in brodo




Appena ho saputo che Luna aveva organizzato una raccolta di ricette "povere" ho subito pensato di proporre " li suricitti ", si tratta di un primo piatto marchigiano e del riciclo perché a base di polenta avanzata e farina bianca per legare. Nella cucina contadina non si buttava via niente e con la polenta avanzata si formavano questi gnocchi di piccola dimensione che venivano poi conditi con ciò che si aveva a disposizione, lardo di maiale, cotiche o salsicce. E' una zuppa molto saporita e sostanziosa che io amo moltissimo, tramandata di generazione in generazione e che posso certamente catalogare tra i miei piatti del cuore.





Questa ricetta partecipa alla raccolta del blog I pasticci di Luna " Le ricette della carestia " nella categoria " ricette antiche "



e al contest raccolta di Laura in cucina 



Ingredienti
per 6 persone affamate

  • 1 kg. di polenta fredda
  • 320gr. di farina O per pasta + quella per formare gli gnocchetti
  • 3 salsicce o anche lardo e cotiche di maiale
  • pepe e sale qb
  • parmigiano o pecorino grattugiato


Con la farina e la polenta fate un impasto omogeneo, formate dei rotolini e ricavatene degli gnocchi piccoli.
In una padella fate soffriggere le salsicce con un filo di olio di oliva e lasciate da parte.
Portate a bollore dell'acqua salata leggermente ( eventualmente aggiusterete in seguito ) e tuffateci gli gnocchi, quando torneranno a galla spegnete il fuoco, togliete eventuale brodo in eccesso e versate la salsiccia soffritta e una spolverata di pepe.
Servite caldissimo con parmigiano ma ancora meglio con pecorino grattugiato.

Commenti

  1. wow...troppo golosiiiiiiiiii!

    RispondiElimina
  2. una ricetta meravigliosa! Grazie mille per aver partecipato e per aver colto il senso del mio contest ;) in bocca al lupo!

    RispondiElimina
  3. che bella ricetta Sandra, molto particolare!

    RispondiElimina
  4. Ciao, volevo invitarti alla mia raccolta di dolci che si preparano in tutto il mondo per il periodo pasquale. Mi piacerebbe tanto vederti tra le partecipanti :)

    a presto

    http://fairieskitchen.blogspot.it/2012/03/tutta-la-dolce-pasqua-del-mondo-il-mio.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. vengo a vedere e poi qualcosa penso di poterti regalare !! grazie di cuore e buon week end

      Elimina
  5. ma lo sai che non li conoscevo? sarò piccola? sarà che la mia è una zona un pò diversa? bene ora li devo solo provare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si Paola è la zona che è diversa, noi siamo a cavallo tra la provincia di Fermo e quella di Macerata quindi molte sono le influenze del maceratese che è la provenienza di questo piatto !!

      besos

      Elimina
  6. Bellissime queste ricette della tradizione povera italiana...la tua è molto invitante e ben presentata..complimenti e buona serata!

    RispondiElimina
  7. questa me la segno Sandra ... davvero fantastica!!!! bacione

    RispondiElimina
  8. n primo "leggerissimo" ma che mi piace molto (scartando le cotiche), mai provato a fare gli gnochci in questomodo, è fantastica questa ricetta.

    Baci da me

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Claudia anche io scarto le cotiche perchè le detesto e anche sul leggerissimo mmmhhh ho i miei dubbi ^__^

      un bacio

      Elimina
  9. Questa ricetta sarà povera, però sicuramente buonissima!!! Non avrei mai pensato di cuocere la polenta come un primo e mi sembra veramente una idea geniale!!

    RispondiElimina
  10. bontà gli gnocchi di polenta!!! non li ho mai fatti ma mi ispirano un sacco, poi dalle foto sembrano davvero buoni!!!

    RispondiElimina
  11. I piatti della tradizione Scaldano il cuore, non hanno bisogno di commenti.

    RispondiElimina
  12. Questa ricetta mi sembra ricchissima...
    francesca

    RispondiElimina
  13. complimenti cara per la ricetta molto particolare, mai mangiata ma sicuramente è molto buona :-)

    RispondiElimina
  14. classica cucina povera, ma ricchissima di tradizione e...calorie, brava , non dimentichiamo le nostre radici.
    un abbraccio
    ciao Reby

    RispondiElimina
  15. gnam gnam! Che buoniii
    Claudia
    http://petitecuilliere.blogspot.it/

    RispondiElimina
  16. La cucina della tradizione anche se fatta con ingredienti semplici è la più buona!Una curiosità , in dialetto siciliano suricitti vuol dire topolini e da voi? Buon we

    RispondiElimina
    Risposte
    1. siiiiiii vuol dire topolini anche qui !!! lontani ma non troppo allora ^_^

      Elimina
  17. che splendida ricettina, grazie cara!!!

    RispondiElimina
  18. interessante ricetta!
    piacere di conoscerti, ti ho vista tra i miei lettori fissi e son venuta a sbirciarti subito.. mi piace il tuo blog!!
    Paola
    p.s. come mai all'altro nn mi ci fa accedere?

    RispondiElimina
  19. fracassona mia, a me di solito le cose brodose non attirano ma questa qua è tutta un'altra storia...
    un bacio

    RispondiElimina
  20. une assiette drolement appétissante!
    bonne journée

    RispondiElimina
  21. Ciao, anche io sono marchigiana, di Jesi! Grazie per aver postato parecchie ricette della nostra tradizione culinaria...Io sono abbastanza impreparata su quelle che sono le nostre peculiarità. A parte pizza al formaggio, cicerchiata, ciambelle di mosto, pizza coi grasselli e vincisgrassi(che però sono praticamente delle lasagne, ma più buone secondo me per via della sfoglia più sottile) non so molto sulle specialità preparate nella nostra terra...anche perchè vivo a Bologna da ormai 16 anni ...;) Però tutta la mia famiglia è ancora nelle marche eh!

    RispondiElimina
  22. anche se te l'avevo già commentata lo rifaccio con piacere... mi piace troppissimo <3

    RispondiElimina
  23. bellissima, adoro il riciclo...baci

    RispondiElimina
  24. che spettacolo questa ricetta e visto che l'hai postata il giorno del mio compleanno me ne ricorderò il prossimo 22 marzo così me la preparerò. un bacio

    RispondiElimina

Posta un commento

Post più popolari