giovedì 6 ottobre 2011

PANE CON AUTOLISI - Impastando s'impara


Seguo sempre Viva la focaccia, un sito dove si trovano mille consigli e video per buttarsi nel mondo di lievito e farina e mentre leggevo alcune spiegazioni sulla pizza con autolisi mi è venuto in mente di farci il pane perché ero certa che questa tecnica avrebbe migliorato moltissimo il prodotto finale. 

Non mi sbagliavo affatto e Max me lo aveva anticipato, sarei stata più che soddisfatta del risultato.

L'autolisi ( vi riporto ciò che è scritto nel libro IL PANE un'arte una tecnologia ) è una tecnica che consiste nel miscelare acqua e farina ed impastare per qualche minuto poi si lascia riposare per un periodo di tempo che va dai 30 minuti alle 24 ore;  per un tempo superiore alle 6 ore è meglio aggiungere un pizzico si sale. Al composto maturato si aggiunge farina e lievito e si finisce di impastare. Tutto questo dona morbidezza e migliora decisamente il volume come si può vedere anche dalle foto.




IMG_5828



Hanno collaborato:

  • 500gr. di farina O 
  • 330gr. di acqua a temperatura ambiente
  • 8gr. di lievito di birra fresco
  • un pizzico di sale



IMG_5829


In una ciotola mettete tutta l'acqua e aggiungete metà della farina, mescolate bene e lasciate riposare coperto per circa tre ore.

Riprendete la ciotola e versateci il lievito, la farina rimasta e dopo aver mescolato un po' aggiungete il sale.

Impastate bene e formate una palla che lascerete lievitare fino al raddoppio del volume.

Sulla tavola infarinata con semola di grano duro rovesciate tutto l'impasto e ripiegate al centro i quattro lati del pane e capovolgete lasciando le pieghe sotto. Se l'impasto appiccica non importa, usate un po' di farina per lavorarlo.

Fate lievitare ancora un'oretta praticare dei tagli ai lati con le forbici e cuocete alla massima temperatura per 10 minuti poi abbassate a 190°-200° fino a cottura.

Può essere cotto anche in uno stampo per dare una forma particolare, io l'ho messo direttamente sulla teglia del forno.


ID CARD

ID CARD
BY ALE ESSENZA DI CANNELLA