COZZE ALLA MARINARA - La Puglia, il Salento e I Rio, cosa vuoi di più da una vacanza


Ci provo a raccontarvi emozioni e sensazioni provate durante i giorni di viaggio lungo le strade della Puglia,  già so che non sarà facile perché ogni volta che torno a leggere il diario di bordo cartaceo tenuto nel camper mi viene quella cosa che tiene pure il mio Micio del cuore, l'apocundria  o appocundria, insomma quella cosa là che pure a Pino Daniele non è mai mancata!!!

Descrivere con semplici parole il paesaggio chi ti trovi davanti in quella terra sarebbe riduttivo, neanche io prima di arrivare alla Baia dei Turchi o lungo la litoranea di Otranto avrei mai immaginato tanto. Ero stata avvisata che sulla costa Ionica gli occhi non avrebbero avuto tregua e infatti così è stato e se poi ci aggiungiamo un concerto tanto desiderato sotto il cielo della splendida Bari  posso dire che la vacanza in terra pugliese è stata meravigliosa. 

Tutti quei sapori e colori non ti mollano più, te li porti dentro e in un certo senso creano dipendenza, non puoi stare un giorno senza comprare focacce, taralli, burrate e pesce tanto pesce e poi non puoi stare un giorno senza sederti su  uno scoglio semplicemente per guardare l'orizzonte. 

Vi lascio qualche immagine delle tantissime che ho avuto il "bisogno" di scattare come per non perdere niente di tutto ciò che ho sfiorato, assaporato e sentito ...... 


SI PARTEEEEEEEEEE



























la natura ci mette davanti la scelta migliore
tra uomini e bestie non sai più qual'è l'animale
la Terra è madre lo sai
sei cieco di fronte a lei 
come mai, come mai ............ 
 ( Mondo incredibile - Rio )





COZZE ALLA MARINARA


Occorrono:

1kg. di cozze
4-5 cucchiai di olio di oliva
peperoncino ( facoltativo ma ci sta da Dio )
prezzemolo tritato
uno spicchio d'aglio
1/2 bicchiere di vino bianco secco
1/2 limone spremuto

Se non volete faticare tanto fatevi pulire le cozze dal pescivendolo come ho fatto io a Polignano a Mare cosi' a voi resterà solo il compito di togliere il filamento marroncino. In una padella fatele aprire a fuoco alto e filtrate con una garza il liquido ottenuto rimettendolo nella pentola con tutti gli altri ingredienti, il limone per ultimo insieme al prezzemolo. 
Gustate questo piatto semplice con pane casareccio, una bontà infinita.

Queste cozze partecipano al contest di Olio e Aceto

Commenti

  1. che bel post..trasmetti davvero delle belle emozioni..poi la foto con i pelosi e la loro testolina al vento e' davvero molto simpatica...baci cara

    RispondiElimina
  2. uno dei piatti preferiti del mio lui!
    ma chi sono quei due bellisiimi cagnolini ricciolini?

    RispondiElimina
  3. Una vera squisitezza le cozze preparate cosi' :))
    Me ne hai fatto venire voglia..un bacione ^_^

    RispondiElimina
  4. Ciao, bellissime queste immagini del salento!
    Buone buone così prepate le cozze! Semplici e gustose!
    baci baci

    RispondiElimina
  5. eddaiiiiiiii.....è la pepata mitica nostra!!!!!
    che si chiama pepata ma c'è il peperoncino ^_^....
    grazie per le belle parole e le foto *_^.....aivoglia a pucciare pane in quell'intingolo! non si finisce maiiiii
    baci

    RispondiElimina
  6. bellissimi i luoghi, ma le barboncine sono due principesse...

    RispondiElimina
  7. bellissima terra la puglia!!!
    e che buone quelle cozze li'

    RispondiElimina
  8. Un post emozionante, tesò! Hai saputo raccontare la mia terra proprio come bisogna raccontarla, cioè con semplicità e tanto, tanto cuore :-)

    RispondiElimina
  9. BEL post!!!
    Ricetta perfetta! :)
    Baci

    RispondiElimina
  10. @ Scarlett ti ringrazio e ti abbraccio
    @ Carla quei due ricciolini sono Wendy e Bastian
    @ Mary ti ringrazio
    @ Manu e Silvia grazie mille !!
    @ Annaaaaaaa se ti dico che a Trani ci sono stata ti arrabbi ??? Smakketeeee
    @ Tamara grazie mille, anche i barbon ringraziano ^__^
    @ Mirtilla grazieeeee
    @ Lucia mo' sei tu a farmi emozionare <3
    @ Gaia mia bella, sei un tesoro !!!

    RispondiElimina
  11. Sandra un amico cuoco mi ha suggerito di mettere le cozze da pulire in una padella alta e stretta con tanto sale grosso, ma proprio tanto, infilarsi un guanto e ruotare la mano nella pentola, insomma per fargli un scrub... Un saluto da Gallipoli

    RispondiElimina
  12. @ Natalia questa si che è una bella dritta, grazie a te e all'amico cuoco, splendida la tua città !!!

    RispondiElimina
  13. Ma dai sei stata nella mia terra, che bello sentire di gente che come te ne apprezza la bellezza, i colori e i sapori. son felice che tu sia stata bene :) ottime le cozze preparate così :D

    RispondiElimina
  14. Che belli tutti questi reportage dalla puglia, grazie!!!! Ti linko su FB...
    Hai provato a mangiare crude la cozze a Polignano?;)

    RispondiElimina
  15. Sono stata nel Salento a maggio e il mio cuore sanguina al pensiero di quei posti meravigliosi. L'unica cosa che mi ha fatto malissimo è stato vedere moltissimi cani randagi! I tuoi sono bellissimi!!!
    Un abbraccio!!

    RispondiElimina
  16. mi arrabbioooooooo??????????????????????????
    mi in************o noooo dimmi che non è vero!!
    ma quando? spero nel periodo in cui ero fuori!...speravo tanto in un caffè con te..eddaiii

    RispondiElimina
  17. Bellissime foto e anche il cibo si vede hai mangiato bene.

    RispondiElimina
  18. Ma che belle foto!!Posti stupendi e...non solo quelli!!Mi sono innamorata del chitarrista che hai fotografato..puoi darmi il suo numero? :)
    ps.inutile che mi firmo...basta che ti dico che sono la tipa molto pericolosa che conosci fin troppo bene!!

    RispondiElimina
  19. @ Francesca la Puglia troppo bella per non innamorarsene !!
    @ Ornella grazie per il link e il tuo passaggio, ti confido che non riesco a mangiare pesce crudo ma cotto in quantità ^_^
    @ Solema hai ragione ne abbiamo visti tantissimi, pensa che a Gallipoli la sera passeggiano per le vie tranquilli e beati!! Grazie mille
    @ Annaaaaaaa ero a Trani l'11 agosto, dimmi che eri fuoriiiiiii!!! in pvt ti racconto la storia di Trani!!!
    @ Mary ti ringrazio!!!
    @ Ireeeeee la mia socia, che bello leggerti qui !!!! Appeno sento Fabio ti passo il numero ^__^

    RispondiElimina
  20. -.-" Non scherziamo, socia!!Ho detto il chitarrista moro e fighissimo, non il biondino grassoccio che si mangia il gelatino!!!! ;) ovviamente scherzo...è un amore con quella panzetta rock!!!!!

    RispondiElimina
  21. che figata 'sto post (sia come post che come "posto" in napoletano :-)) ). Mi hai fatto venire voglia di andare al mare..... che belle foto hai fatto.... io ritengo che chi riesce a fare delle foto così ha un animo molto sensibile.... sì, creto,già conoscevo il tuo animo, ma queste foto danno un indizio in più su ciò che sei... I cani mi fanno impazzì... sò troppo belli. I piatti di pesce mi hanno fatto sbavare.... ma questo non fà testo perchè in qualità di micio il pesce a me fà proprio golosità. Per quanto riguarda poi "la pucundria", colgo l'occasione per sproloquiare in merito ad una parola napoletane che, come sempre, è di difficilissima traduzione in italiano. Ho trovato in merito un commento che ne rappresenta un po' il significato. Qualcuno, infatti ha detto: Forse la cosa che più gli si avvicina è "nostalgia", nostalgia non sai nemmeno tu di cosa, hai presente quando sei solo e pensi a quello che non hai realizzato, alle occasioni perse, alla tua ex, alla ragazza che incontravi tutti i giorni sul treno e che non hai mai avuto il coraggio di avvicinare, a tutte le persone che hai fatto soffrire e che ora non ci sono più e tu vorresti chiedere loro scusa e ti mancano tantissimo?

    Io appucundria la vedo cosi.

    Un bacione alla mia dolce Chabb del cuore
    Micio

    RispondiElimina
  22. devo conoscere i RIO se no divento vecchia bel post!

    RispondiElimina
  23. @ Ire io intendevo il numero del chitarrista chettecrediiiii!!! <3
    @ Micio ormai sanno tutti cosa provo per te ma io non mi stanco mai di farlo sapere ;-) grazie di cuore !!
    @ Antonietta se li conosci li ami, per come sono e per ciò che dicono, ma io non faccio testo, li adoro!!! grazieeee

    RispondiElimina
  24. Non ti ruberei mai il biondo!!! ;-) allora sentilo presto...cmq tra un pò sento il mio amico e poi ti aggiorno se ci sono novità!

    RispondiElimina
  25. Qui non servono parole, bastono occhi e cuore.
    Strepitosi i tuoi cagnolini, anche la mia in camper verso la Spagna era incredibilmente stupita e partecipe!
    Un saluto,

    Fabi

    RispondiElimina
  26. perchè le cose semplici sono le più buone!!!! E quindi le cozze semplici, mmmh che delizia! Soprattutto se le mangiamo al mare!

    RispondiElimina
  27. @ Socia non ti vedo, che segno è??
    @ Fabi i miei pelosi sono i primi a salire in camper, basta che si parte ^___^ Grazie mille!!
    @ Mau infatti mangiarle sulla spiaggia hanno tuttuo un altro sapore, sanno proprio di mare!!! Bacione

    RispondiElimina
  28. Questa ricetta mi fa tornare in mente la mia infanzia, anche mamma faceva le cozze così e mi piacevano tanto! :)

    RispondiElimina
  29. che bei posti hai visitato,di certo la cucina pugliese ti ha incantato, anche io anni fa ne rimasi affascinata!

    RispondiElimina
  30. mamma mia che voglia di estate che mi fanno venire queste foto :) bacione!

    RispondiElimina
  31. Hai scritto un'ode alla mia amata Puglia! Per Bari sono di parte e lo sai...io l'impepata di cozze la faccio un po' diversa, ma la tua è da provare!

    RispondiElimina
  32. che meraviglia chabb...con qualche mese di ritardo!!! magnifica puglia...

    RispondiElimina
  33. CIAO CHABB,DALLA PUGLIA RICETTA DELLE COZZE GRATINATE,LA VUOI?
    PULISCI PER BENE LE COZZE, APRILE CON UN COLTELLINO MA NON SPRECARE IL LIQUIDO CHE ESCE. INTANTO PREPARA UN MISCUGLIO DI PANGRATTATO Q.B.,FORMAGGIO A PIACERE,PREZZEMOLO, POCHISSIMO AGLIO. RIEMPI LE COZZE, AGGIUNGI UN PO' DI OLIO E POCHISSIMO LIQUIDO ALLUNGATO CON ACQUA. METTI NEL FORNO PIUTTOSTO CALDO E FALLE GRATINARE.
    BACIONI A TE E ALLA MIA FERMO

    RispondiElimina

Posta un commento

Post più popolari