martedì 18 febbraio 2014

SCROCCAFUSI MARCHIGIANI SECONDA VERSIONE


SCROCCAFUSI MARCHIGIANI 


ricetta scroccafusi marchigiani

Questi sono quelli di famiglia, lasciati da una cara zia paterna che alla mia richiesta di imparare a fare le scroccafuse (si chiamano anche cosi') rispose semplicemente dicendo: " checcevo' cocca de zia, l'ove, la farina, mocco' de zuccoro, de olio e lo mistrà " !!!!

Ci ho messo un po' per aggiustare il tiro con gli scroccafusi perché quel " mocco' '' ( un po' ) era davvero molto vago e lei ci lasciò prima che io potessi di nuovo "intervistarla" ma ora posso dire di essere più che soddisfatta di questo dolce di carnevale tipicamente marchigiano, maceratese soprattutto e tanto buono per quanto semplice negli ingredienti. 

Molti mi chiedono se si possono fare anche al forno e io dico di si perché a quanto pare, leggendo in giro, moltissimi anni fa si cuocevano nei vecchi forni a legna con legno di canna per avere una fiamma moderata evitando così di bruciarli. La versione fritta è senz'altro quella che preferisco e con il miele è una vera goduria.

Qui troverete un'altra versione più o meno simile perché poi ogni famiglia ha la sua ricetta del cuore.


Altra versione di questo dolce di Carnevale marchigiano la trovate qui 




ricetta scroccafusi marchigiani


Ingredienti
  • 590 g. di farina OO
  • 5 uova
  • 3 cucchiai di zucchero
  • 2 cucchiai di olio extravergine di oliva ( se le preferite più scroccarelle usate quello di girasole )
  • un pizzico di sale
  • 1/2 bustina di lievito per dolci 
  • 120 g. di mistrà o liquore all'anice
  • un pizzico di cannella
  • olio di semi di arachide per friggere


ricetta scroccafusi marchigiani al miele



Sulla tavola mettere la farina a fontana, sgusciare le uova nel mezzo e aggiungere olio, sale e zucchero, sbattere un po' con un pizzico di cannella e unire la farina con il lievito e poi il liquore all'anice o mistrà se ne avete.

Impastare bene e lasciar riposare il panetto coperto per un'ora.

Fare tre o quattro bigoli larghi circa 5 cm e tagliare una sorta di gnocchi lunghi circa 4-5 cm che poi verranno lessati in acqua  per il tempo che tornano a galla ( almeno 6/7 minuti). Farli scolare e asciugare una mezz'ora su un telo e poi friggere praticando con le forbici dei tagli a croce o trasversali in modo che si abbia la classica forma.
Friggete con il coperchio perché il vapore aiuterà la buona riuscita ;)

Condire con alchermes o con miele sciolto in padella.

come si preparano gli scroccafusi

ID CARD

ID CARD
BY ALE ESSENZA DI CANNELLA

Seguimi tramite e-mail