giovedì 17 gennaio 2013

FRASCARELLI MARCHIGIANI I PIATTI DELLA TRADIZIONE


PIATTI DELLA TRADIZIONE
Piatto povero della tradizione contadina marchigiana simile alla polenta ma preparato con farina di grano.
Le vergare rientravano a casa dopo il lavoro nei campi e in mezz'ora ti preparavano queste meraviglie, con farina, un po' di acqua e le mani d'oro cercavano ogni modo per sfamare la famiglia numerosa. 
Leggendo in giro e nei vari libri di cucina marchigiana ho scoperto che c'erano tre tipi di frascarelli, quelli "de li puritti " ( poveretti ) fatti con sola farina di grano e acqua, quelli " de riso curgo " ( riso coricato ) in pratica veniva aggiunta qualche manciata di riso e quelli " de li signori " ai quali venivano aggiunte delle palline di pasta all'uovo. Si chiamano anche " piccicasanti " ( attacca santi )  e il nome deriva dal fatto che con la farina e l'acqua si faceva la colla.

In casa mia si sono sempre fatti alla maniera di mia nonna materna vale a dire quelli "de li puritti" e io ne vado matta, poiché si dice che favoriscano la produzione di latte nelle puerpere, vi lascio immaginare quanti ne ho mangiati durante l'allattamento dei miei tesori.
Le abili mani che vedete nelle foto sono quelle di mia madre,  già perché quando le ho detto che li avrei fatti io mi ha guardata con la faccia stralunata e ha esclamato: " Non crederai mica che metto le mani in quell'aggeggio nero !!? " E infatti ce le ho messe io cercando di fotografare tutti i passaggi perché è un piatto di una semplicità enorme ma diventa più facile se lo si vede fare.




























Ingredienti:

per 6 persone

  • 650 g. di farina OO e 1 cucchiaino di sale fino
  • 2,5 litri. di acqua per cuocere
  • 120 g. di acqua per formare i frascarelli *

per condire a scelta tra :

  1. sugo di pomodoro o sugo finto
  2. sugo di costine 
  3. mosto cotto e pecorino
  4. sugo di salsicce


Il procedimento per questo piatto è senz'altro più facile a farsi che a dirsi.
Proverò a spiegarvelo al meglio e le foto in sequenza saranno un valido aiuto.
Mettete a bollire l'acqua con un po' di sale, come per la pasta.
Sulla spianatoia versate la farina mescolata al sale, versate un po' di acqua * e con le mani cominciate a formare dei grumi di farina, continuate fino a finire l'acqua.
Con le mani come vedete nelle foto continuate a formare i frascarelli fino a renderli piccoli e poi con il coltello fateli ancora più fini.
Quando l'acqua sarà giunta a bollore iniziate a versarli piano piano come per la polenta e mescolate sempre. Dovranno cuocere per circa 20-30 minuti.
Impiattate e condite con il sugo che preferite, noi li abbiamo conditi con un sugo di costine e macinato.