giovedì 11 maggio 2017

SBRICIOLATA CON LE MELE AL VARNELLI

sbriciolata

Ti ritrovi un mare di mele che non hanno tutto questo gran sapore anzi, sono proprio senza sapore e siccome le hai pagate, quando nel gruppo la tua socia posta una sbriciolata facilissima afferri il coltellazzo e le fai a tocchetti.

Poi non puoi però utilizzarle cosi', nature, allora prendi il Varnelli e tutta la musica cambia, ci aggiungi due gocce di cioccolato e il paradiso esiste.

Provate a farla e se non trovate il Varnelli usate un liquore all'anice e un po' di rum per bagnare le mele, non avrete l'aroma paradisiaco del Varnelli ma sicuramente otterrete qualcosa di molto molto godurioso.

Baci e abbracci e a presto con una nuova e graditissima collaborazione.

Stay tuned!



ricetta per la sbriciolata


"Ah se fossi ancora qui con me
 Ti farei vedere io
 Che la lezione d'amore che mi hai insegnato
 L'ho imparata bene"



come si fa la sbriciolata


SBRICIOLATA CON LE MELE AL VARNELLI


Ingredienti e procedimento


Per la pasta

  • 320 g di farina O
  • 100 g di burro freddo
  • 100 g di zucchero
  • essenza di limone
  • sale un pizzico
  • 2 uova medie
  • una bustina di lievito per dolci


Per il ripieno

  • 5 mele a tocchetti condite con 2 cucchiai di Varnelli e 2 cucchiai di Fantasia di Varnelli
  • gocce di cioccolato


Nel robot da cucina mettete la farina setacciata con il lievito e burro e iniziate a impastare con zucchero e uova, unite il limone e il sale quindi spegnete e trasferite sulla tavola.

Foderate uno stampo da crostata con carta forno bagnata e strizzata e sbrisciolate 2/3 della pasta sul fondo compattando leggermente.

Versate sopra tutte le mele e le gocce di cioccolato coprendo con la pasta rimasta ben sbriciolata.

Guarnite con granella di zucchero e infornate a 180° per circa mezz'ora fino a che non sarà dorata.




martedì 2 maggio 2017

GIRELLE DOLCI DI PASTA BRIOCHE AL MANDARINO


GIRELLE DI PASTA BRIOCHE

Reduce dai bagordi infiniti del 25 aprile e del primo maggio e senza essere ancora perfettamente cosciente del fatto che l'età avanza e la cervicale pure, voglio ricominciare ad occuparmi del blog in modo serio.

A dire il vero queste girelle di pasta brioche sono state pensate e preparate la settimana scorsa quando quel barattolo di marmellata al mandarino ormai mi guardava implorando, ma ovviamente con un week end lungo come l'ultimo ho preferito godermi il mare e l'aria seppur gelida dei giorni passati.

Ora però torniamo a fracassare, la stagione è ottima per preaparare di tutto, dai meravigiosi cheese cake con fragole e ciliegie alle splendide torte salate con fave, piselli e cipollotti freschi.

Io ce la metterò tutto per tornare attiva, buon fracasso amici miei e che la pappa reale sia con me!



GIRELLE DI PASTA BRIOCHE

"a volte basta una canzone solo una stupida canzone a ricordarti chi sei"

GIRELLE DOLCI DI PASTA BRIOCHE

GIRELLE DOLCI DI PASTA BRIOCHE AL MANDARINO



Ingredienti e procedimento

  • 380 g di farina OO
  • 180 g di Manitoba
  • 250 g di latte
  • 4 g di lievito di birra secco
  • un pizzico di sale
  • 1 uovo
  • estratto di limone
  • 100 g di burro morbido a pezzetti
  • Fiordifrutta Mandarino Rigoni di Asiago



RICETTA GIRELLE DOLCI



Nella planetaria fate sciogliere per dieci minuti il lievito secco nel latte tiepido.
Aggiungete le farine con l'uovo, l'estratto di limone e il sale, impastate per cinque minuti poi aggiungete il burro poco per volta fino a che l'impasto sarà liscio.
Date un giro di pieghe e lasciate raddoppiare la pasta in una ciotola coperta a temperatura ambiente.
Una volta raddoppiato stendete la pasta in un rettangolo di mezzo cm di spessore, spalmate tutta la superficie con Fiordifrutta al Mandarino e arrotolate dal lato lungo.
Tagliate girelle da due cm circa e ponetele in due teglie da forno.
Fate lievitare di nuovo per una mezz'ora e cuocete a 180° in forno caldo per circa 30 minuti.



martedì 11 aprile 2017

LA PIZZA BATTUTA DOLCE DELLA PASQUA MARCHIGIANA


la pizza battuta marchigiana


Dai racconti delle nonne e delle zie pare che in alcune zone delle Marche le vergare dopo aver preparato ciambelle strozzose in quantità, erano solite preparare la famosa pizza battuta che poi glassavano con la fiocca avanzata e in molti casi farcivano con crema pasticcera.

Che brave de donne di un tempo, nessuno spreco, nessuna pretesa.

Che peccato si stiano perdendo molte delle tradizioni passate e che peccato si preferiscano prodotti industriali imbustati e confezionati mesi prima alle preparazioni casalinghe, magari non perfette ma almeno fatte col cuore.

Non è altro che un pan di spagna ma con una quantità diversa di zucchero e farina e poi io e la vergara Lully abbiamo preferito mettere una bustina di lievito per dare ancora più sofficità.

A noi piace così la Pasqua, buona e colorata.


la pizza di pasqua marchigiana



ricetta pizza battuta marchigiana

LA PIZZA BATTUTA DOLCE DELLA PASQUA MARCHIGIANA


  • 4 uova medie
  • 160 g di zucchero semolato
  • 160 g di farina per dolci
  • 1 bustina di lievito per dolci
  • una fiala di essenza di limone
  • ghiaccia reale per guarnire e confettini colorati ( 1 albume + 150 g di zucchero a velo )



Nella planetaria con la frusta a velocità sostenuta montate le uova con lo zucchero fino a che saranno belle spumose e bianche, aggiungete la farina setacciata con il lievito e l'essenza continuando a sbattere per circa cinque minuti.

Imburrate e infarinate una tortiera da 26 cm di diametro e versate il composto, cuocete a 160/170° in forno già caldo per 30/35 minuti.



la pizza dolce di pasqua

giovedì 6 aprile 2017

COLOMBA PASQUALE CON LIEVITO DI BIRRA

come fare la colomba di pasqua


La voglia di fare lievitati importanti è sempre tanta e di conseguenza sale ogni santissima volta il grado di ansia che mi prende nelle varie fasi di lavorazione.

Questa volta è stato lo stesso ma in compenso il risultato finale mi ha definitivamente fatto capire che poichè non sono una professionista e non ho attrezzature di alto livello posso decisamente ritenermi soddisfatta e felicissima per quello che riesco a fare.
Basta quindi coi soliti pipponi del tipo "eh ma l'alveolatura" "si però la morbidezza" "vanno bene però non sono bellissime".

Basta proprio direbbe la mia rompina ed è proprio da lei che sto imparando ad essere soddisfatta delle cose che faccio senza più andare a cercare il pelo nell'uovo, poi se un giorno diventerò Massari o Giorilli allora si mi farò tante pippe mentali per raggiungere risultati stratosferici.

Credo che questo sarà l'ultimo post prima di Pasqua ( ma non credeteci troppo ) perché non so se avrò ancora tempo per qualcosa di tipico del periodo e poi c'è il mare e la musica che mi chiamano a gran voce e a loro non dico mai di no.


ricetta colomba di pasqua




ricetta colomba di pasqua


COLOMBA PASQUALE CON LIEVITO DI BIRRA

Dal libro I lievitati


Ingredienti e procedimento per 2 stampi da 750 g

I° impasto

  • 50 g di latte tiepido
  • 12 g di lievito fresco o 4 di lievito secco
  • 80 g di farina W 350 o Manitoba


In una ciotola sciogliete il lievito nel latte(se usate quello secco lasciate nel liquido almeno un quarto d'ora) e aggiungete la farina formando una palla che lascerete lievitare per una mezz'ora.


II° impasto

  • I° impasto
  • 100 g di latte
  • 130 g di farina W 350 o Manitoba
  • 70 g di zucchero
  • 65 g di burro morbido a pezzetti
  • 2 cucchiai di miele al mandarino Rigoni di Asiago
  • buccia grattugiata di agrumi o un cucchiaino di Spumadoro


In planetaria al primo impasto aggiungete il latte con lo zucchero e poi la farina, impastate e poi unite il resto degli ingredienti.
Il composto sarà mobidissimo, dopo dieci minuti spegnete e coprite lasciando lievitare per circa due ore o finchè lo vedrete gonfio..

Impasto finale

  • 90 g di zucchero
  • 3 uova intere medie
  • 2 tuorli
  • 1/2 cucchiaino di sale
  • 390 g di farina W 350 o Manitoba
  • 65 g di burro morbido a pezzetti
  • 120 g di scorza di arancia candita 

Per la glassa


  • 50 g di zucchero semolato
  • 2 albumi 
  • un goccio di amaretto
  • mandorle a volonta e granella di zucchero per ricoprire



Nella planetaria aggiungere al II° impasto lo zucchero e azionare con la foglia a bassa velocità, unire alternandole uova e tuorli sbattuti con la farina. 
Unire il sale e aumentate la velocità ( nella mia Ken Mix 1 ) per circa venti minuti quando vedrete che inizierà a incordare mettete il gancio e continuate fino a che si staccherà dalle pareti (ci vorranno altri 15 minuti).
Unite il burro continuando a impastare fino a che sarà ben incorporato e quando formerà il velo unite i canditi.
Lasciate riposare l'impasto in una ciotola con coperchio a temperatura ambiente per circa un'ora e mezza poi trasferite in frigorifero per 15 ore circa.
Riportate l'impasto a temperatura ambiente e fatelo riposare per alcune ore poi dividete in due parti uguali e pirlate.
Con tre quarti di ciascuna parte formate un cilindo che porrete nello stampo nel senso della lunghezza e con il resto un altro cilindro più piccolo da dividere a sua volta in due per fare le ali.
Lasciate lievitare dentro a sacchetti di plastica in forno tiepido fino a che saranno arrivate a un cm dal bordo.
Lasciatele per una mezz'ora all'aria per far si che si formi la pellicina e con la glassa cosi' non rischiate che collassino.
Preparate la glassa montando le chiare non a neve ferma insieme allo zucchero e versatela sulle colombe, guarnite con le mandorle e la granella e infornate a 160° per circa 40 minuti.
Fate prova stecchino e sfornate poi infilate i ferri e lasciatele tutta la notte a testa in giù a raffreddare.


FARE LA COLOMBA

come fare la colomba di pasqua



mercoledì 29 marzo 2017

CIALDE RIPIENE AI FRUTTI DI BOSCO


ricetta cialde ripiene


Guardo pochissima tv ma dei film non posso fare a meno e di conseguenza mi tocca beccarmi tutta la pubblicità del caso.

E' stato cosi' che ho visto quella del Lidl piena di stampi, spatole, sbattitori e lei, la mia tanto desiderata cialdiera per i waffel con le sue piastre intercambiabili per noci, cuori e fiori.

Rosa, piccolina ma tanto tanto carina e funziona benissimo, basta solo prenderci un po' la mano con il peso dei composti ma sono certa che riuscirò a divertirmi come una bambina con il dolce forno.

Ho seguito le indicazioni del libricino allegato e ho già in mente il prossimo esperimento con dei waffel al cioccolato da gustare con una bella pallina di gelato alla vaniglia.

Stay tuned, vi lovvo!!


biscotti ai frutti di bosco


CIALDE RIPIENE AI FRUTTI DI BOSCO


Ingredienti




biscotti ripieni

In una ciotola montate lo zucchero con il burro, aggiungete le uova e la farina setacciata con il lievito alternata al latte. 
Aromatizzate e tenete il composto in frigo coperto per una mezz'ora.
Formate delle palline da circa 6/7 g e scaldate la cialdiera poi iniziate a cuocere con le forme che preferite.
Accendete la macchina e quando la spia sarà di colore verde iniziate la cottura.
Indicativamente non cuocete più di due o tre minuti altrimenti scuriranno troppo.
Farcite con la marmellata e poi guarnite con zucchero a velo.
Uno tira l'altro, fidatevi.



ID CARD

ID CARD
BY ALE ESSENZA DI CANNELLA

Seguimi tramite e-mail