domenica 30 settembre 2012

CIAMBELLE DI MOSTO MARCHIGIANE ........ " LI COROLLI DE LA VERGARA "

























Settembre tempo di mosto e la vergara non si lasciava certo scappare un ingrediente così prezioso che come vedete non serviva solo a fare del buon vino. 
La vergara era colei che nelle famiglie contadine marchigiane si occupava dell'organizzazione e della gestione di tutta la famiglia, la moglie, la madre e la lavoratrice senza sosta, colei che con acqua e farina preparava il lievito per il pane e colei che con tutto quello che la terra offriva nelle varie stagioni provvedeva a sfamare tutti. 
Era responsabile del buon andamento dell'economia domestica, lavava, rammendava, cucinava, preparava le conserve ( la marmellata di mele cotogne che vedete è una di quelle), si occupava dei figli e degli animali da cortile, preparava saporite ricotte di pecora, filoni di pane fragrante nonché pranzi per tutte le occasioni e per le feste religiose.
A volte mi sento una vergara anzi vorrei anche solo per un giorno vivere la vita di un tempo .....


Queste ciambelle le trovate in ogni forno marchigiano ma vengono anche preparate in tante case nel periodo della vendemmia, si possono anche fare centrifugando i chicchi dell'uva da tavola più dolce ma hanno tutto un altro sapore se a condire il tutto sarà del mosto crudo di uva da vino appena raccolta.



536278_367541859956921_925991496_n


524603_367542093290231_279272924_n


228925_228778770499898_6426548_n




























Se tostate le fette di queste ciambelle avrete dei biscotti da inzuppare nel vino cotto che vi lasceranno senza fiato .....























Ingredienti

Lievitino:


  • 150g. di acqua a temperatura ambiente ( o anche mosto che è ancora meglio )
  • 18g. di lievito di birra fresco
  • 150g. di farina O


Impasto:


  • 1000/1050g. di farina O dipenderà dalla forza ( se l'impasto sarà ancora appiccicoso aggiungetene un po' di più )
  • 500 ml di mosto crudo tiepido
  • lievitino
  • 180g-230g.. di zucchero ( l'ideale sono 200 g
  • 3-4 cucchiai di semi di anice
  • 160g. di olio extravergine di oliva
  • un pizzico di sale
























Impastate gli ingredienti del lievitino e lasciate riposare per un 'ora e mezza nel forno spento.
In una ciotola mettete il mosto, sciogliete il lievitino e aggiungete tutti gli altri ingredienti impastando fino ad ottenere una massa liscia e compatta che lascerete lievitare fino al raddoppio.
Riprendete l'impasto e dividetelo in quattro parti, formate dei filoncini con i quali formerete le ciambelle. Lasciate lievitare ancora fino al raddoppio e fino a che il buco sarà piccolo, sempre nel forno spento.
Cuocete a 180° fino a che diventeranno scure.

Se vorrete anche fare i biscotti basterà tagliare a fette e tostare sulla piastra.


ID CARD

ID CARD
BY ALE ESSENZA DI CANNELLA

Seguimi tramite e-mail