domenica 7 febbraio 2010

Pardulas, ancora un esperimento di Alfemminile



Ci abbiamo provato ancora a fare qualcosa insieme e stavolta è toccato a questi dolcetti sardi che hanno un sapore particolare per via dello zafferano ma sono davvero belli!!



Nella sezione cucina del forum di Alfemminile ogni tanto ci proviamo ad organizzare un esperimento interattivo e ormai ci abbiamo preso talemte gusto che ne abbiamo pronto un altro, sperando che si aggiungeranno nuove cuoche e nuovi cuochi nel forum cosi' da essere veramente in tanti quindi forza ragazzi iscrivetevi che l'unione fa la forza.




Ecco cosa serve e come si procede:
io ho fatto meta' dose di pasta e 1/4 di ripieno




Per i dischetti di sfoglia:
300 g farina
150 ml acqua tiepida
30g strutto o burro
1 pizzico di sale

Disporre la farina a fontana e lavorere con lacqua tiepida salata e lo strutto (o burro) ridotto in soffici riccioli. Stendere con un mattarello su una tavola asciutta e leggermente infarinata e ricavare alcuni dischetti molto sottili, del diametro di circa 8cm.




Per la farcitura:
1 kg ricotta
un cucchiaio di farina
3 bustine zafferano ( io ne consiglio una )
3 tuorli duovo
150g di zucchero
la scorza grattugiata di un limone

Lavorare con una forchetta la ricotta sul fondo di una terrina, ed aggiungere un quantitativo di farina sufficiente a fargli assumere una consistenza abbastanza compatta. ne basta un cucchiaio, a seconda della liquidita' della ricotta, la quantità pu arrivare fino a 100 grammi.
Aggiungere i tre tuorli d'uovo, lo zucchero, la scorza di limone e lo zafferano.
Otterremo un impasto colloso, che andrà lavorato con una spatola per renderlo omogeneo. Ora con le mani perfettamente asciutte e leggermente infarinate, formare delle palline con un diametro di circa 4 cm.
Adesso adagiare al centro dei dischetti le palline di ripieno e pizzichiamo i bordi del dischetto, in modo tale che abbraccino la pallina di ripieno.



Bisogna alzare un bordino di un cetimetro e mezzo, pizzicando otto volte la pasta. Tenete presente che il volume dei dolci crudi, sarà lo stesso di quelli cotti, perché non devono lievitare.
Mettere in forno ben caldo a 180C e lasciarcele per 30 min.
Poi sfornare e lasciate raffreddare , una volta fredde spolverizzare di zucchero a velo.
Si possono anche congelare cotte, per poi mangiarle in futuro dandogli una leggera scaldata al forno.




Ho riportato la ricetta che gentilmente ci ha fornito Luisa alla quale vanno i più sentiti ringraziamenti per la sua disponibilità e oltre lei ringrazio Dauly che ha organizzato l'esperimento.

Con questa ricetta partecipo alla raccola di Federica Note di Cioccolato











ID CARD

ID CARD
BY ALE ESSENZA DI CANNELLA

Seguimi tramite e-mail