venerdì 12 giugno 2015

TZATZIKI E NOI LO CHIAMIAMO TSIPRAS




Questa è la salsa che occupa il primo posto assoluto nella classifica di casa Chabb.

Lo Tzatziki, però qui tutti ormai lo chiamiamo Tsipras, pare che sia più facile pronunciarlo :D

Lo consumiamo sia in inverno che in estate, nelle tortillas, nelle piadine, nei pomodori e sulla carne.
Fare questa salsa è un gioco da ragazzi e se come me avete sempre dello yogurt a disposizione non ci sono scuse.

In rete sono molte le ricette e l'aglio è alla base di questa preparazione, io però ho diminuito parecchio la quantità consigliata (ho anche letto sette spicchi) ma non ho sostituito l'aneto che deve essere obbligatorio nel Tzatziki perché senza non sarebbe la stessa cosa.

Provatelo e non ne potrete fare a meno, parola mia.




TZATZIKI E NOI LO CHIAMIAMO TSIPRAS 



  • 500 g di yogurt intero ( io home made )
  • un cetriolo grande 
  • due spicchi di aglio
  • un bel ciuffetto di aneto
  • sale qb
  • due cucchiai di olio di oliva


Pelate il cetriolo ( alcuni consigliano di lasciare la pelle ), grattugiatelo e mettetelo in un colino a scolare per due ore con un po' di sale.

In una ciotola versate lo yogurt e l'olio poi con una frusta sbattete energicamente, unite l'aneto e l'aglio in purea o a pezzettini minuscoli ( io ho usato l'attrezzo per schiacciarli ), unite il cetriolo e regolate di sale.

Lasciate insaporire in frigo coperto per almeno mezza giornata, sarà squisito.


ID CARD

ID CARD
BY ALE ESSENZA DI CANNELLA

Seguimi tramite e-mail