martedì 17 settembre 2013

FICHI CARAMELLATI E SECCHI UNA RICETTA DELLA NONNA

FICHI CARAMELLATI 


fichi caramellati


Ricordi, ricordi tantissimi preziosi ricordi.
Quello di mia madre sulla preparazione dei fichi secchi mi ha per un certo verso anche un po' scioccata poi però mi ha aperto ancora di più gli occhi su certe cose.
Mia nonna procedeva semplicemente adagiando i fichi raccolti su una tavola che veniva poi lasciata su un grande terrazzo al sole, qui rimanevano fino a che non erano ben secchi e pronti per essere utilizzati nel più tradizionale pristingo come pure nel tipico pane di granturco che primo o poi dovrò postare.
La cosa che mi ha lasciata a bocca aperta è che a volte quando i fichi venivano aperti dentro si trovava l'inquilino, un vermetto carino carino che veniva semplicemente allontanato dal frutto che di certo non veniva buttato ma utilizzato senza paura ........ ora buttiamo pure le cose integre per tante infondate paure.
Nel tempo poi mia mamma ha modificato il modo di conservare i fichi iniziando a caramellarli in padella o nel forno e poi una volta seccati si conservano in freezer per lungo tempo.
Quest'anno la produzione di fichi è stata davvero abbondante e quindi la scorta per pane, pizza e crostate è pronta e non aspetta che di essere utilizzata.






In realtà non ci sono quantità e ingredienti particolari, bastano degli ottimi fichi maturi e una larga padella che possa contenerli come vedete in basso. Io ho usato una di quelle in alluminio pesante dove si può cuocere tutto dal pollo alla piada e alla focaccia bianca e perchè no del pesce. Va benissimo anche una comunissima padella antiaderente.



Si taglia leggermente con le forbici l'attaccatura del fico da dove esce il latte poi si mettono sopra un foglio di carta forno e si accende il fuoco facendo scaldare piano piano la padella stando attento a non farli bruciare. Si copre con un coperchio e si inizia a girare ogni frutto con delle pinze.


Piano piano inizieranno a caramellare e si deve continuare a girare sempre fino a ce diventeranno come la foto sotto, a questo punto ( ci vorrà un'ora circa ) si spegne il fuoco e si lasciano i fichi ancora per un quarto d'ora ( anche più ) nella padella dopodiché si trasferiscono in un vassoio di quelli dorati, qui non si attaccheranno.


Una volta trasferiti nel vassoio si lasceranno asciugare girandoli di tanto in tanto, se la stanza è ben arieggiata ci vorrà una settimana per essere pronti.
E' una preparazione facile ma si deve fare molta attenzione per non rischiare di bruciacchiare i fichi.
Sono ottimi anche subito, parola mia anzi sono una vera tentazione.
Noi abbiamo l'abitudine una volta seccati di conservarli in freezer in sacchetti trasparenti e li usiamo per tutti i vari dolci tipici del Natale e per fare il buonissimo pane con fichi e noci.
Ottimi ricoperti di cioccolato fondente.
In genere noi li laviamo sotto acqua corrente prima di utilizzarli.



ID CARD

ID CARD
BY ALE ESSENZA DI CANNELLA

Seguimi tramite e-mail