martedì 26 febbraio 2013

CRACKERS AI SEMI DI FINOCCHIO



Ieri nonostante una nausea tremenda dopo il virus bastardo che mi sono beccata, ho dovuto riaccendere forni e fornelli per dar da mangiare agli affamati.
Cercando di approfittare del forno acceso per un bel polletto impanato, questo, ho preparato dei crackers con gli scarti del mio amato Lazzaro e arricchiti di cruschello di avena.

Buoni, fragranti e rustici ma anche molto saporiti, provateli se avete del lievito madre e se ancora non lo avete provate a farlo beh non aspettate ancora, buttatevi, è divertente e da molte soddisfazioni, poi con il metodo di Morena potete tranquillamente renderlo secco, basta mettere il pezzo di madre nel mixer con la stessa quantità di farina, azionare e rendere tutto una polvere, riporlo in un barattolo con coperchio in frigo a riposare anche per lungo tempo, lui non muore mai.

Per iniziare con il lievito madre guardate qui ma io al posto dell'uvetta ho messo della mela grattugiata come consigliato dal grande Salvatore De Riso.

Hasta la vista !!



Submitting to YeastSpotting 

Ingredienti

  • 90 g. di scarti di lievito madre 
  • 100 g. di vino secco bianco
  • 60 g. di olio extravergine di oliva
  • 60 g. di acqua tiepida
  • 320 g. di farina O
  • 25 g. di cruschello di avena ( negozi bio )
  • 1 cucchiaio colmo di semi di finocchio
  • una presa di sale

Mettere a bagno nel vino i semi di finocchio per una mezz'ora, aggiungere l'acqua e sciogliere il lievito madre, aggiungere l'olio poi la farina e il cruschello con una presa di sale.
Impastare per una decina di minuti poi lasciar riposare l'impasto per due ore.
Stendere sulla teglia in una sfoglia di mezzo cm e salare leggermente in superficie, far riposare ancora un'ora e mezza, tagliate con la rotellina dei quadratini bucherellando con una forchetta o con l'attrezzo apposito e poi infornare a 200° fino a doratura.