martedì 18 settembre 2012

PALLOTTE CACIE' E OVE DI MILU' - ABRUZZO MONTANO IN CAMPER ULTIMA PARTE


Il viaggio virtuale che vi ho fatto fare in queste settimane volge al termine, avrei ancora tante immagini da mostrarvi ma ho voluto prendere quelle che rendono di più l'idea della vacanza itinerante come piace a noi e in particolare di quanto avevamo tutti bisogno di starcene in pace e a contatto con la natura direi quasi selvaggia senza tecnologia alcuna, già perché lassù non c'era proprio verso di ricevere alcun segnale. Tenetelo presente se siete tossici di telefonia & co., a Fonte Vetica e dintorni non è per niente facile comunicare e infatti noi scendevamo a Castel del Monte e a Santo Stefano per avere quel tipo di contatto " telefono - casa " !!!

Scherzi a parte personalmente sono stata veramente in paradiso, niente orari, niente regole, niente rotture di pelotas,  i cani che scorrazzavano come cavalli per i prati, niente traffico e clacson ma solo il dlin dlon delle vacche e delle pecore che passavano in mezzo ai camper a notte fonda.
La notte lassù è diversa, quando guardi il cielo ti sembra di essere al contrario, sulla testa hai un tappeto di stelle che a valle te lo puoi solo sognare, ne vedi talmente tante che fai fatica a crederci.
Di Santo Stefano di Sessanio ho parlato nel post precedente e questa è la volta di Castel del Monte e della vicina Rocca di Calascio, io credo che con le parole non riuscirei mai a rendere l'idea della bellezza e del fascino di questi posti ma sono certa che con le immagini vi renderete conto da soli che vale la pena di visitarli.
In camper la strada che scende da Campo Imperatore verso Castel del Monte è abbastanza agevole e offre uno scenario fantastico, per chi ama fotografare i paesaggi c'è da perdersi sul serio. Quando si arriva in paese ci sono dei parcheggi nei pressi del centro sportivo e vicino alla caserma dei carabinieri, da lì potete godervi a pieno tutta la bellezza di questo borgo e incamminarvi per le antiche stradine che formano una sorta di labirinto con scorci meravigliosi.
Qui sono stati girati innumerevoli pellicole, da Serafino a The American, da Il nome della rosa a Lady Hawke, da Amici miei atto II a King David.
Continuando sulla strada per Santo Stefano si incontra il borgo di Calascio e a 3 km di camminata c'è la famosa rocca, vi ricordo che si tratta di tre km in salita quindi armatevi di scarpe buone, acqua e macchina fotografica, non serve altro. Parcheggiare il camper è cosa un po' ardua, pochissimi parcheggi per i nostri "bolidi" quindi meglio organizzare la visita la mattina presto e possibilmente evitare la domenica ^_^
Di giorno scendevamo in paese e di notte ce ne tornavamo nella piana di Campo Imperatore, troppo bello e selvaggio e qui ogni giorno i barbecue delle due macellerie in legno che si trovano a Fonte Vetica erano sempre accesi per dar modo a noi viaggiatori di gustare arrosticini, salsicce e bruschette all'aglio della serie
" chettelodicoaffa' ".
Il viaggio si conclude qui, spero che questi miei post servano a chiunque voglia avventurarsi in questa bella parte d'Italia meno famosa forse ma pur sempre meritevole di attenzione e non a caso il grande Lucio Dalla proprio a Santo Stefano di Sessanio amava soggiornare spesso quando era di passaggio per i suoi concerti nel sud Italia  ( fonte Miluniana ).
Il Chabba tour vi lascia con una ricetta tipica abruzzese direttamente da casa Milù e vi da appuntamento a presto, si spera in terra marchigiana, ..... hasta la vista !!




Abruzzo montano

I famosi arrosticini abruzzesi

Abruzzo montano

Abruzzo montano


Abruzzo montano

Abruzzo montano

Castel Del Monte

Abruzzo montano

Abruzzo montano


Abruzzo montano

Abruzzo montano


Abruzzo montano

Rocca Calascio .... il mondo delle favole

Abruzzo montano


Abruzzo montano


Abruzzo montano


Abruzzo montano

La montagna che parla con le stelle ....

Abruzzo montano

La libertà ....

Abruzzo montano

Gobba levante ..... luna calante

Abruzzo montano


Pallotte cacie' e ove di casa Milu'

Ingredienti

  • 2 uova intere
  • 200 gr di grattugiato misto (l'originale vuole solo pecorino ma vengono molto saporite!)
  • pane raffermo messo in ammollo e strizzato qb ( circa 3-4 fette )
  • 1 ciuffo di prezzemolo tritato
  • 1 pezzettino d'aglio tritato
  • sale qb
  • olio di semi di arachide o di oliva per friggere

Il procedimento è semplicissimo, prima di tutto mettete a bagno con dell'acqua il pane e quando sarà ammorbidito strizzatelo bene e mettetelo in una ciotola con le uova, il parmigiano e tutto il resto degli ingredienti. Formate delle polpette e se occorre aggiungete del pane grattugiato per rendere l'impasto compatto e non appiccicoso. Friggete in olio bollente e condite le polpette con       un sughetto semplice di pomodori ed erbe aromatiche varie.



ID CARD

ID CARD
BY ALE ESSENZA DI CANNELLA

Seguimi tramite e-mail