lunedì 9 gennaio 2012

SCORZETTE DI LIMONE CANDITE





Succede che prepari della carne marinata, succede che tuo marito ti regala un libro, " La cucina a impatto  (quasi) zero " e inevitabilmente devi provare a riutilizzare quello che di solito va a finire nel secchio dell'umido, è la volta delle bucce di limoni ma con lo stesso metodo si possono fare tutte le scorze di agrumi, arance, cedro, pompelmo, basta avere l'accortezza di ripetere più volte il cambio dell'acqua per quei frutti troppo amari. 
Riportare a " nuova vita " ciò che in genere buttiamo via è qualcosa di estremamente soddisfacente, insomma oggi andare a fare la spesa è un po' come entrare in una gioielleria perciò utilizzare tutto o quasi di ciò che la natura ci offre è un'ottima cosa e poi i canditi non costano proprio poco.
E' un'ottima idea anche per fare un regalo, a chi non farebbe piacere ricevere un sacchettino con queste dolcezze ?




Ingredienti


  • Scorze di 3 limoni non trattati a fettine ( 230gr.circa )
  • 160gr. di acqua
  • 160gr. di zucchero semolato


Tagliate a fettine le scorze di limone e mettetele in un pentolino ricoperte di acqua e portate a bollore, fate bollire per 5 minuti. Ripetere questa operazione per altre 2 volte cambiando l'acqua, in questo modo si porterà via l'amaro.
Scolate bene e mettete le scorzette in una padella bassa con l'acqua e lo zucchero e fate cuocere a fuoco basso fino a che il liquido sarà evaporato.
Mettete le scorzette su carta forno staccando l'una dall'altra  e ricoprite con qualche almeno 2 cucchiai di zucchero. 
Lasciate asciugare.
Nel libro l'unità di misura è il bicchiere ma io ho preferito pesare tutto.
Si mantengono 6 mesi ma io le ho nel freezer per non rischiare ;)

Con questa ricetta partecipo al contest di " La scimmia cruda" Il contest di Natale