lunedì 13 dicembre 2010

LA PIADINA ROMAGNOLA E I CRESCIONI, UNA LEZIONE DI CUCINA A FORLI'


LA PIADINA


Ma si ma che ci vuole a far la piada è facile,  veloce  e ..... bla bla bla, si sa però che tra il dire e il fare c'è di mezzo il mare. Io avevo provato diverse volte a farla ma senza soddisfazione poi un giorno in occasione di un incontro a Forlì con la splendida Chikbabj di Alfemminile ho imparato a farla come la fanno "loro",  i romagnoli. Lei mi ha fatto vedere il procedimento che in effetti è molto semplice e credo sia una questione di strutto e della quantità utilizzata a fare la differenza. Ora la piada e i crescioni fanno parte del nostro menù settimanale e naturalmente accompaganati dai radicchi e bruciatini, un'altra delizia di quelle parti di cui vi parlerò un'altra volta.

Un grazie a Manu per l'ospitalità innanzitutto e per questa lezione di cucina tradizionale che mi è piaciuta da matti, ehehehe quando c'è di mezzo la farina chi mi tiene !!!! 



 Hanno partecipato:

600gr. di farina O ( va bene anche la OO )
300gr. di latte tiepido ( circa )
120gr. di strutto
2/3 di bustina di lievito per torte salate o bicarbonato
sale poco più di mezzo cucchiaino

un mattarello
squacquerone
rucola
prosciutto crudo
zucchine saltate in padella
polpa di pomodoro
mozzarella
patate lesse schiacciate e condite con pancetta rosolata e parmigiano

non ho riportato le quantità di ripieno perchè questo deve essere RIGOROSAMENTE AD OCCHIO come dice Manu, lei neanche la bilancia tiene in cucina :)



I CRESCIONI


Procedimento

Sciogliete lo strutto nel latte tiepido, sulla spianatoia mettete la farina setacciata con il lievito e iniziate ad impastare con il latte, aggiungete il sale e continuate a lavorare la pasta fino ad avere un impasto bello liscio. Io lascio riposare un po' così la pasta si rilassa e si stende meglio, a volte impasto a pranzo. Stendete la pasta con il mattarello in una sfoglia di circa 1/2 cm ( anche meno ), le dimensioni della piada possono essere indicativamente quelle di un piatto piano e quelle dei crescioni anche ma devono essere stesi in una forma ovale come nella foto. Questi ultimi andranno farciti e chiusi bene aiutandovi con una forchetta in modo che il ripieno non fuoriesca. Cuocere nel testo romagnolo o in una padella antiaderente pochi minuti per lato.



Come fare i crescioni.
Mettete il ripieno come nella foto e chiudete come i calzoni, sigillate con la forchetta. Ricordatevi di cuocere ( tenendoli con le manine ) anche la parte dietro della piegatura altrimenti rimane bianca.

ID CARD

ID CARD
BY ALE ESSENZA DI CANNELLA

Seguimi tramite e-mail