domenica 13 dicembre 2009

I ricciarelli di Siena secondo il Talismano della Felicità

RICCIARELLI DI SIENA



RICETTA RICCIARELLI DI SIENA
Sono molti anni che ho questo librone dove ci sono una marea di ricette, tra quelle piu' quotate di certo c'è questa, i famosi Ricciarelli che fin da bambina ho adorato letteralmente, avendo un bar non vedevo l'ora che arrivasse la vigilia di Natale per "rubarne" una scatola tanto ormai le vendite erano agli sgoccioli.

Ho iniziato a farli appena ricevuto in regalo Il Talismano, ormai sono passati 15 anni, sono molto semplici nell'esecuzione, purtroppo pero' devo dire che non sempre vengono perfetti, la cottura è fondamentale e quest'anno a me sono venuti un po' troppo asciutti per i miei gusti, ma non per i famelici di famiglia che stamattina li hanno presi d'assalto. Puo' essere dipeso dal forno nuovo con il quale non li avevo mai fatti, sarà piu' forte e ha fatto prima il suo lavoro.


RICETTA RICCIARELLI DI SIENA

Non è mai facile un ritorno non è impresa da niente
Ma finalmente arriva il giorno che tu fai pace con te
Capire il vento, la ragione, il momento
Spogliarsi di ogni incertezza, inseguire un canto
Anche se per gli altri sarà follia .....



RICETTA RICCIARELLI DI SIENA

... lascia la porta spalancata alla vita
Anche se l'hanno umiliata, brutalizzata
C'è ancora qualche cosa di me in ogni latitudine c'è
Qualcosa per cui ritornerei da te
Da te.. ancora da te. (Renato Zero - Ancora qui)



RICETTA RICCIARELLI DI SIENA

Hanno partecipato:

per 24 ricciarelli


  • 200 g di mandorle spellate e asciugate ma non colorite
  • 200 g di zucchero semolato
  • 100 g di zucchero a velo
  • 50 g di albume ( meno di due albumi )

Al mixer ho messo qualche cucchiaiata di zucchero e di mandorle e ho iniziato a tritare finemente aggiungendo mano a mano tutte le mandorle e tutto lo zucchero semolato, infine quando tutto è diventato farina ho aggiunto lo zucchero a velo e in una ciotola ho mescolato bene aggiungendo qualche goccia di aroma di mandorla amara. Fate attenzione a non far riscaldare le mandorle altrimenti tirano fuori l'olio e non va bene. Con una forchetta ho battuto un pò gli albumi e li ho aggiunti a cucchiaiate alla farina fino a che non ho avuto un composto tale da essere modellato a forma di rombo, non deve essere molle altrimenti si sfalda in cottura. Ho passato i rombi nello zucchero a velo e poi li ho adagiati nella teglia rivestita di carta forno, non ho messo le ostie perchè neanche quest'anno ho avuto voglia di andare a cercarle, e li ho lasciati riposare per 12 ore. Trascorso il tempo li ho infornati a 160° fino ad asciugatura, circa 10' -15'.



Partecipo alla celebrazione del Solstizio d'Inverno del blog di Lola Chezdashita


ID CARD

ID CARD
BY ALE ESSENZA DI CANNELLA

Seguimi tramite e-mail