mercoledì 4 novembre 2009

Focaccia quasi genovese

Quando vai nell'orto e trovi un rosmarino profumatissimo come quello canforato non puoi non farci una bella focaccia e se quella genovese meglio ancora.

Di solito la focaccia sono solita farla con farina di grano duro ma questa volta ho tentato con quella OO di grano tenero e il risultato credo si possa vedere dalle foto ( non perfette ma c'aggia fa' ).


Ingredienti:
600gr. di farna OO
330-340gr. di acqua a 34°
15gr. di lievito di birra fresco ( io ho usato 5gr. di quello secco )
10gr. di sale
1 giro di olio evo

Ho impastato per 10 minuti e lasciato lievitare fino al raddoppio, ho diviso l'impasto in due parti senza manipolare in modo da non riattivare il glutine ( che è sempre in agguato ) e dopo aver fatto riposare 10 minuti ho steso nelle teglie con le mie manine e lasciato riposare ancora un po'.
A questo punto affondare le dita nella pasta lasciando i classici buchi e pennellare con olio emulsionato con acqua e sale. Far lievitare ancora un'ora abbondante fino a che saranno belle alte e cuocere in forno caldo a 200° e abbassare dopo una decina di minuti a 180° fino a cottura ( circa 20-25 minuti ).







Dedico questa focaccia alla mia amica Ely che ha promesso di insegnarmi a fare la vera focaccia genovese.
Le dedico inoltre questo pezzo meraviglioso del grande Fabrizio.

CREUZA DE MÄ
Umbre de muri muri de mainé
dunde ne vegnì duve l'è ch'ané
da 'n scitu duve a l'ûn-a a se mustra nûa
e a neutte a n'à puntou u cutellu ä gua
e a muntä l'àse gh'é restou Diu
u Diàu l'é in çë e u s'è gh'è faetu u nìu
ne sciurtìmmu da u mä pe sciugà e osse da u Dria
e a funtan-a di cumbi 'nta cä de pria


E 'nt'a cä de pria chi ghe saià
int'à cä du Dria che u nu l'è mainà
gente de Lûgan facce de mandillä
qui che du luassu preferiscian l'ä
figge de famiggia udù de bun
che ti peu ammiàle senza u gundun


E a 'ste panse veue cose che daià
cose da beive, cose da mangiä
frittûa de pigneu giancu de Purtufin
çervelle de bae 'nt'u meximu vin
lasagne da fiddià ai quattru tucchi
paciûgu in aegruduse de lévre de cuppi **


E 'nt'a barca du vin ghe naveghiemu 'nsc'i scheuggi
emigranti du rìe cu'i cioi 'nt'i euggi
finché u matin crescià da puéilu rechéugge
frè di ganeuffeni e dè figge
bacan d'a corda marsa d'aegua e de sä
che a ne liga e a ne porta 'nte 'na creuza de mä


Fabrizio De Andre'

ID CARD

ID CARD
BY ALE ESSENZA DI CANNELLA

Seguimi tramite e-mail